Raftul cu initiativa Book Archive

Italian

Dieci anni che hanno sconvolto l'Italia, 1989-2000 by Bruno Vespa

By Bruno Vespa

Show description

Read Online or Download Dieci anni che hanno sconvolto l'Italia, 1989-2000 PDF

Best italian books

La contessa di ricotta

Roma, Nottetempo, 2009, eightvo brossura con copertina illustrata, pp. 127 con una tavola fotografica nel testo.

Italian & Basics: Alles, was man braucht für das dolce vita zu Hause

Fan der italienischen Küche? brand! Fan von simple cooking & easy baking, den absoluten fundamentals fürs Kochen und Backen mit Spaß? Benvenuto! Nach simple cooking und uncomplicated baking kommt jetzt los angeles dolce vita: Italienische Lieblingsrezepte fuer die Urlaubsstimmung zu Hause. Ferienlektuere inclusive witzige tales ueber die Basic-Zutaten wie Pasta, Reis, Olivenoel und Kaese, Vino und coffee.

Additional info for Dieci anni che hanno sconvolto l'Italia, 1989-2000

Sample text

Ma il carattere dell'uno era allergico al carattere dell'altro. De Mita è stato segretario della Dc per quasi sette anni, dall''82 all''88: un record straordinario per un partito che faceva ruotare gli incarichi direttivi come la biancheria. Per quattro di quegli anni (1983-87) Craxi fu presidente del Consiglio. I Dc sostengono che a metà percorso il leader socialista avrebbe dovuto passare il testimone cedendo l'incarico allo scudocrociato, e Cossiga, eletto capo dello Stato nell''85, avrebbe dovuto favorire il disbrigo della pratica.

Il nostro è [p. 40] un paese pluralista. " Aggiunge Craxi: "Il bipolarismo italiano veste i panni di Arlecchino. ) Si era alla fine di un quindicennio che aveva prostrato l'Italia con il terrorismo. Con l'ultimo delitto prima di quello compiuto undici anni dopo contro Massimo D'Antona, nell'aprile dell''88 le Brigate rosse avevano massacrato Roberto Ruffilli, l'uomo che De Mita aveva incaricato di studiare la riforma dello Stato. Commentava Arnaldo Forlani, all'epoca segretario della Dc: "La riforma elettorale è come la formazione della nazionale di calcio.

E mentre questi si crogiolavano nello scandalo, la storia veniva fortemente ridimensionata: i magistrati non cavarono un ragno dal buco e scagionarono Orfei, che nove anni più tardi avrebbe ritrovato il suo nome nella lista di presunti informatori del Kgb, ricavata dal dossier Mitrokhin. E Martini? Aveva fatto sapere che non era stato il Sismi ad aver fretta di informare la magistratura, ma palazzo Chigi. Cioè Andreotti. Per colpire, si fece intuire, De Mita. Il quale se la prese molto anche con l'ammiraglio che ancora oggi, nelle sue memorie, dice: caro onorevole, dovevano essere altri ad avvertirla.

Download PDF sample

Rated 4.42 of 5 – based on 29 votes