Raftul cu initiativa Book Archive

Italian

Human. Quel che ci rende unici by Michael S. Gazzaniga

By Michael S. Gazzaniga

Show description

Read or Download Human. Quel che ci rende unici PDF

Similar italian books

La contessa di ricotta

Roma, Nottetempo, 2009, octavo brossura con copertina illustrata, pp. 127 con una tavola fotografica nel testo.

Italian & Basics: Alles, was man braucht für das dolce vita zu Hause

Fan der italienischen Küche? brand! Fan von uncomplicated cooking & easy baking, den absoluten fundamentals fürs Kochen und Backen mit Spaß? Benvenuto! Nach easy cooking und easy baking kommt jetzt l. a. dolce vita: Italienische Lieblingsrezepte fuer die Urlaubsstimmung zu Hause. Ferienlektuere inclusive witzige tales ueber die Basic-Zutaten wie Pasta, Reis, Olivenoel und Kaese, Vino und coffee.

Additional info for Human. Quel che ci rende unici

Example text

Molte FOX svolgono un ruolo es40 IL CERVELLO UMANO È UNICO? senziale come regolatori dello sviluppo embrionale e trasformano cellule indifferenziate in tessuti e organi specializzati. Tornando alla proteina FOXP2: è noto che questo fattore di trascrizione ha effetto su alcuni tessuti del cervello, dei polmoni, dell'intestino, del cuore85 e di altri sistemi nell'individuo adulto. Nella famiglia KE la mutazione nel gene ebbe effetto solo sul cervello. Ricordate che ci sono due copie di ciascun cromosoma e i membri di questa famiglia affetti dalla muta%ione hanno un cromosoma normale e uno mutato.

Questi ricercatori hanno avanzato quattro suggerimenti: 1. questa regione potrebbe aver subito una riorganizzazione, che avrebbe coinvolto un aumento di alcune aree corticali selezionate a scapito di altre, ma non di tutte; 2. gli stessi circuiti neurali potrebbero presentare un maggior numero di connessioni all'interno dei settori frontali e tra questi ultimi e altre regioni cerebrali; 3. specifici sottosettori del lobo frontale potrebbero aver subito dei cambiamenti nei loro circuiti locali; 4.

Non può accadere che ciascun neurone si connetta con ogni altro. Il cervello umano possiede miliardi di neuroni organizzati in circuiti locali. Quando questi circuiti sono organizzati come gli strati di una torta vanno a costituire le regioni cerebrali; se invece sono raggruppati in mazzi, vengono chiamati nuclei. Le regioni e i nuclei sono a loro volta interconnessi tra di loro a formare i sistemi. Georg Striedter,36 dell'Università della California (Irvine), sostiene che i cambiamenti nelle connessioni cerebrali considerati insieme ai cambiamenti nella massa possono limitare la grandezza massima che un cervello può raggiungere prima di perdere in coerenza e questo potrebbe spiegare alcune delle soluzioni che l'evoluzione ha dovuto trovare per superare l'impasse.

Download PDF sample

Rated 4.35 of 5 – based on 33 votes